Max Biaggi e Bianca Atzei, prove di famiglia allargata con Leon e Ines

Prove di famiglia allargata per Max Biaggi.
Il pilota è stato fotografato a Milano mentre passeggia assieme alla neo fidanzata Bianca Atzei.

41093805

Ad accompagnarli Leon Alexandre e Ines Angelica, figli anti dalla passata relazione di Max con Eleonora Pedron. Da tempo si parla di nozze fra Biaggi e la Atzei, che tra l’altro non ha mai nascosto di voler diventare mamma…

In due anni partorisce tre coppie ​di gemelli: mamma record a 20 anni

A soli 20 anni mamma di 5 bambini in poco più di 2 anni. Danesha Couch è una vera mamma record, viene da Kansas City e ha partorito le ultime sue due femminucce, Delanie e Darla, il 17 giugno scorso, 26 mesi dopo il primo il primo ‘set’ di gemellini maschi Danarius e Desmond, nati il 13 aprile 2014. Nel mezzo, Delilah e Davina, arrivate il 29 maggio 2015.

1866793_13529227_10201973104965262_3400368941280818346_n

Tutte e tre le coppie di gemelli sono state concepite senza trattamenti per la fertilità e nate con taglio cesareo.
Purtroppo il piccolo Desmond non è sopravvissuto dopo la nascita. “E’ stato molto difficile perderlo” ha detto Danesha alla Abc news. “Piango ancora molto per questo e spero che un giorno Danarius non mi dica che si sente vuoto e solo senza suo fratello”. Pochi mesi dopo la giovane ha incontrato il suo attuale compagno, Jeffrey Pressler, con il quale ha generato i quattro fratelli più piccoli di Danarius. “E’ stata una benedizione”, ha detto, “e mia madre ha iniziato a chiamarmi ‘double trouble'”, ossia ‘problema doppio’.
Marjorie Greenfield, responsabile di Ostetricia e ginecologia presso l’Università di Cleveland, Ohio, ha spiegato che, sebbene sia un caso molto raro, avere più coppie di gemelli si verifica in parte per ragioni genetiche. “E’ in parte statistica e in parte genetica”, ha precisato. “Probabilmente ci sono donne geneticamente inclini a produrre sempre due ovociti ogni mese e non solo uno come avviene di solito”.

Ilaria D’Amico e la giovinezza turbolenta’: “Mia madre voleva abortire, sono qui per caso”

Ilaria D’Amico è pronta per una nuova avventura televisiva: commenterà gli Europei per Sky Calcio Show dopo una lunga pausa dovuta alla gravidanza e alla nascita del figlio avuto con Gigi Buffon. Nel frattempo si racconta in una lunga intervista a ‘Vanity Fair’. Dalle cotte adolescenziali al suo temperamento vivace fino al mancato aborto della mamma: la conduttrice è un libro aperto.

01-00311804000004

LA NUOVA SFIDA. Sulle pagine di ‘Vanity Fair’ anche le emozioni per questa nuova sfida professionale: “Non è un nuovo inizio e non sento alcuna pressione, ma solo l’emozione e la felicità di tornare a fare il mio lavoro dopo essermi presa il giusto tempo per essere madre e aver oliato quella macchina complessa che è la famiglia allargata”.

ADOLESCENZA IRREQUIETA. Ilaria ammette di essere stata pestifera sin da piccola e che amava uscire e divertirsi. Molto diversa dalla figlia maggiore, ha dato qualche preoccupazione in più alla mamma: “Mi piaceva stare in mezzo alla gente, alle feste in discoteca, e discoteca per mia madre significava una cosa sola: droga, aghi, cocaina, dissoluzione. La cocaina c’era, ma con me avrebbe potuto star tranquilla… Sa come mi soprannominavano le amiche? Digos. Ero la rompipalle che finiva per controllare gli altri. Non so se sia stata paura che qualcuno potesse approfittarsene o timore di non essere più padrona di me stessa. Ma alle feste mi fermavo al secondo bicchiere di vino e non ho mai avuto voglia di andare oltre. Poi magari ballavo fino alle 6 del mattino, ma lucida. Senza veleni. Al massimo a dare la pozione sono stata io… Mia madre non voleva farmi andare in discoteca e così mi feci consigliare da un amico che studiava Farmacia il sonnifero giusto da mettere nel vino, una sera, per addormentare lei e il suo compagno. Dormirono fino a quando, sospettando di aver sbagliato il dosaggio e di averla combinata più grossa del previsto, non li svegliai io tornando a casa”.
Era solita scappare di casa, ma non sempre le andava bene: “Una sera, al mare, dico a mia madre: ‘Dormo al piano di sopra’. Salgo, mi vesto di soppiatto, mi calo dalla finestra e mi preparo a scavalcare il cancello del giardino. Lei era dall’altra parte dell’inferriata”.

LE COTTE ADOLESCENZIALI. La mamma è stata in ansia anche quando Ilaria si prese una cotta per il suo professore Gianni Barbarella: “Era il nostro professore di Lettere. Ci aiutò a essere curiosi, a non farci suggerire dagli altri che cosa pensare, e a chiederci sempre il perché. L’ultimo giorno di scuola salimmo tutti sui banchi per salutarlo come nella scena finale dell’Attimo fuggente. Per lui ho provato un’attrazione che spinse mia madre, preoccupata, ad andarci a parlare. Un invaghimento letterario che solo un galantuomo equilibrato come lui avrebbe potuto ignorare”. Questa attrazione l’aveva spinta a desiderare di essere un’insegnante, cosa che avrebbe fatto se non fosse diventata la conduttrice di un programma sportivo.

IL RAPPORTO CON LA MAMMA. Alla domanda sul rapporto con la mamma, Ilaria spiega che si è sviluppato sempre nel rispetto delle reciproche indipendenze. “Fin da quando sono nata, nel 1973. Mia madre conduceva già da tempo un’aspra battaglia per separarsi dal marito e portare la prima figlia con sé. A quell’epoca la patria potestà era la regola e mio padre non lo avrebbe mai permesso. Dormivano separati quando all’improvviso morì mio nonno materno. Una notte, mentre lei elaborava il lutto, ci fu un momento di tenerezza”. E lì fu concepita lei.
“Si figuri la sua felicità per quella figlia arrivata per caso. Prigioniera di un matrimonio che non aveva mai trovato pace, col dubbio di poter perdere ogni libertà residua, si disse: ‘Non posso’. Tenne nascosta la gravidanza e decise di abortire. Contattò un medico che operava in clandestinità, si confidò con un’unica amica, tacque con la madre e con le sorelle, prese l’appuntamento con il dottore e fissò il giorno… Poi una notte sognò suo padre e a quel sogno, qualche giorno dopo, seguì una telefonata. Era la segretaria del medico che si scusava. Il dottore si era dovuto trattenere a Firenze e avrebbe potuto operarla solo nel pomeriggio. ‘Non vengo più, grazie’, disse. Poi riagganciò. Era il segno che aspettava… Se avesse scelto diversamente non sarei qui”.

Elisabetta Canalis, mamma supersexy: in vacanza con la figlioletta

Elisabetta Canalis si gode il sole e il mare del Messico. L’ex velina è in vacanza con la famiglia e ha documentato il viaggio a Cabo San Lucas su Instagram.

1768002_canalis1

Sul suo profilo ha pubblicato le foto della vacanza: con uno sfondo di panorami mozzafiato, sfoggia la sua perfetta forma fisica. In una foto con suo marito Brian Perri e sua figlia, la piccola Skyler Eva, scrive: “La mia vita sulla punta dei piedi”.

1768002_canalis5

Ed oggi, di ritorno verso casa, ha pubblicato una foto che riassume i suoi ultimi giorni di relax: il cielo visto dal finestrino di un aereo, e in primo piano il biberon rosa della figlioletta.

Elisabetta Canalis, super scatenata con la piccola Skyler Eva

Sul divano di casa mamma e figlia si scatenano a più non posso. Elisabetta Canalis, super sexy in shorts e canottiera scollata, e Skyler Eva, la sua piccola “tigrotta”, si divertono con grande complicità. “#Sundaymorning con #tigretta #homeswethome”, scrive l’ex velina su Instagram mostrando una sequenza di scatti in cui sorregge la piccola che prova a stare dritta sulle sue gambine.

C_2_fotogallery_3001765_0_image

Una caduta sul morbido cuscino, tante risate… e il gioco ricomincia.
Domenica mattina in famiglia per la bellissima Eli che, regala un siparietto divertente con la sua bambina. Nessun giochino a intrattenere la piccola, ma solo il sorriso e le braccia della sua mamma che con immenso amore, inginocchiata di fronte a lei, la sostiene con premura. A nove mesi Skyler Eva sta iniziando a far leva sulle sue gambette quasi pronte a muovere i primi passi. Al momento però le prove si fanno senza pericoli sul divano. Poi un veloce cambio d’abito per le donne di casa per un brunch con una vista mozzafiato.

Barbara D’Urso e la love story con Simone: “Troppo giovani…Ventidue anni, come potrei”

“Spesso, troppo giovani…Ventidue anni, come potrei?”, dopo le smentite social, Barbara D’Urso ribadisce che non c’è nessuna liaison con Simone, giovane modello di 22 anni con cui era stata sorpresa qualche giorno fa: “In questo momento – ha spiegato a “Vanity Far” – sono single”.

1730661_scansione0023

Mamma di due figli (“Sono la mia ragione di vita, la mia energia. Oggi vivono lontani, hanno intrapreso la loro strada, ma io non smetterò mai di essere una mamma molto apprensiva. Mi riempie d’orgoglio sapere che sono due ragazzi perbene, che si sono fatti da soli, col loro cognome. Non vogliono mai essere associati al mio nome per ottenere scorciatoie”) è spesso in v, ma questo non le impedisce di pensare alla famiglia: “Faccio tutto per la mia famiglia. Anche se i miei figli sono lontani, sono una mamma presente, e la sera vedo sempre i miei amici, facciamo delle splendide cene. Al mattino, invece, mi sveglio all’alba per le mie lezioni di danza. Diciamo che con una buona organizzazione, si può tutto”.
Il pubblica la ama o la odia: “Non mi piacciono le persone “neutre”, quelle che non lasciano segni. Io nei sentimenti sono forte, lunatica, passionale. Come con le mie tanto criticate “faccette”, sono talmente empatica che non posso evitarle”.